I nostri progetti

Corsi universitari
animatori digitali

Fatti, novità ed eventi

«Instant messaging», quali sono gli effetti?

«Il senso comune è… la ‘filosofia dei non filosofi’». Così scriveva Antonio Gramsci nei suoi «Quaderni del carcere» (febbraio 1929) riferendosi a quelle idee sull’esistente elaborate acriticamente da chi ha […]

Noi, il Web e l’esercizio della libertà

La libertà è consapevolezza della possibilità. È sapere di «poter potere». Di qui, è facile dedurre che esiste una libertà passiva e una libertà attiva: la prima riguarda la consapevolezza […]

Ecco gli «Smart bins», i cassonetti per pc e cellulari

Esistono dei cassonetti per la spazzatura detti «intelligenti» e sono una nuova forma di riciclo tecnologico. L’idea è nata da una formula della gestione dei rifiuti già esistente in Europa […]

Guarda tutte le novità

Gli ambiti di lavoro

Verità

Ha ancora senso parlare di verità nella dematerializzazione delle relazioni sociali? Sono strumenti computazionali come la blockchain a poter garantire la verità? L’intelligenza artificiale secondo voi è vera intelligenza e permette di trovare verità? Nella comunicazione globale parlare di verità e della sua ricerca è ancora possibile ed interessante? E che emozioni vi suscitano queste domande?

Fede

Cosa significa avere fede nell’infosfera? E voi come ci riuscite? Quali sono le dissonanze personali e sociali che percepite? Come possono coabitare credenze, valori, precetti, simboli così rigidi e fermi come quelli delle Chiese – Istituzioni e altrettanti così flessibili e in moto accelerato uniforme come quelli interdipendenti dalle tecnologie digitali? La cultura digitale è una cultura globale che tende ad omologare ogni cosa per far s+ che tutto possa essere compreso in una sola griglia, con un unico schema, tutto questo cosa suscita nel vostro senso di unicità ed appartenenza?

Giustizia

Che posizione prendere di fronte ad alcune contraddizioni e palesi ingiustizie? Da un lato il capitalismo immateriale di pochissimi soggetti, la mutazione del concetto stesso di bene comune, proprietà privata e dall’altro la trasparenza della globalità, la persistente evidenza delle vite costantemente in rete.  Da un lato la cessione dei dati obbligatoria per essere nel sistema, dall’altra i rischi connessi alla cybersicurity, sino all’esclusione di intere masse di persone, poveri digitali e dunque non più intercettati dalla cultura e della politica per cui sembrano invisibili.

Identità

Chi siamo e chi siamo chiamati ad essere? Anche il nostro Paese ha ormai avviato un processo di digitalizzazione dell’identità burocratica (SPID) e i benefici sono evidenti, ma se a questi processi si aggiungono le comunicazioni manipolate e manipolanti della rete come è il bilancio? Siamo quello che ci restituiscono i social? E le nostre opinioni, che formano la nostra libertà, in base a cosa si formano? Quali algoritmi le gestiscono occultamente?

Libertà

Come intendiamo noi la libertà nell’era digitale? Muoversi, scrivere, esserci: tutto è definito, tracciato e resta per sempre? Dalle opinion che abbiamo alla nostra privacy quale spazio resta per la nostra autodeterminazione? E per la generosità, l’amore, la fede?

Sicurezza

Cosa rappresenta per noi sicurezza? Nel gioco tra la libertà personale, comunitaria ed il bisogno di essere al sicuro come ci muoviamo nel futuro e nel presente dei big data, del controllo globale, dell'internet delle cose? Cosa possiamo cedere della nostra privacy e cosa dobbiamo custodire gelosamente? Chi controlla i controllori?

Pensieri e riflessioni

I profeti del nostro tempo sono coloro che hanno protestato contro lo schiacciamento dell’uomo sotto il peso delle leggi economiche e degli apparati tecnici, che hanno rifiutato queste fatalità.

Giorgio La Pira – Giorgio La Pira e la Francia

I profeti di oggi

Nell’inventare e nel costruire entità artificiali, quali sono le macchine, nel manipolare per loro tramite noi stessi e il mondo, la tecnologia ci consente di dar corpo, col vantaggio di non obbligarci a confessarlo, al nostro desiderio segreto di riprodurre, a nostra volta, l’avventura creatrice di Dio.

Luciano Gallino – Tecnologia e democrazia

Il brivido del Creatore

La parola del Papa

L’ambiente digitale rappresenta per la Chiesa una sfida su molteplici livelli; è imprescindibile quindi approfondire la conoscenza delle sue dinamiche e la sua portata dal punto di vista antropologico ed etico. Esso richiede non solo di abitarlo e di promuovere le sue potenzialità comunicative in vista dell’annuncio cristiano, ma anche di impregnare di Vangelo le sue culture e le sue dinamiche
Author